La sottovita – francesco savio


Questo romanzo inizia con un uomo che sta per essere messos sta per essere messo sottotto da una mucca e ,invce poi… il tempo si dilata e l’uomo può ritrovare la sua fanciullezza, la voce del babbo, altri ricordi lontani, ovviamente conosce il presente, ma non può fare previsione alcuna.

Sintetizzato così banalmente non significa che il breve romanzo sia banale, é infatti invece invece è di un’intelligenza stratosferica.

Dietro ogni pagina una Citazione in chiave ironica degli dei fondatori della civiltà, e intanto Francesco gioca sul prato col suo bambino ci racconta la giornata normale di una famiglia normale. Pensieri e desideri che volano con grandi ali, orologi che girano da tutte le parti, un po’ come nella tana del BianConiglio, non si sa mai che ora è. Però i momenti, quelli tutti, si ricordano. Le considerazioni pure, è come se forgiasse al tornio il suo mondo.

E anche un’esistenza che non si nota, con la sua piccola sottovita brulicante di granelli di polvere, di sabbia , di gocce di pioggia e di figurine anni ’80, esiste e di vita ne produce tanta. E poi sempre si torna a quell’uomo sotto lamucca…che fine farà?